Sunshine Blogger Awards 2020

sunshine-blogger-award

Abbiamo avuto l’onore di essere nominati ai Sunshine Blogger Awards 2020 da Martina di Life is Outdoor che ringraziamo veramente di cuore.

Ma cosa sono i Sunshine Blogger Awards? Sono un’occasione per farsi conoscere e conoscere più a fondo i blogger che si nomineranno. Insomma un modo per condividere, per conoscere e per abbattere quella continua sfida tra colleghi che, diciamocelo, ha rotto le scatole! È così bello confrontarsi con le persone che praticano la stessa professione e questo award è un’occasione da non perdere.

Le regole del “gioco”

Per partecipare ai Sunshine Blogger Awards vi basterà:

  • Menzionare chi ti ha nominato all’interno dell’articolo
  • Rispondere alle domande della persona che ti ha menzionato
  • Nominare altre persone e porre loro nuove domande
  • Pubblicare l’articolo con il logo di Sunshine Blogger Awards, inserendo anche le regole

Le nostre risposte alle domande di Martina (Life is Outdoor)

Ci sono dei blogger che ti ispirano in modo particolare?

Diciamo che non ci ispiriamo a nessun blogger in particolare, facciamo quello che ci sentiamo di fare. Siamo partiti da autodidatti, cercando informazioni sul web, sui libri e sbagliando. Non c’è niente di più vero del detto “sbagliando si impara”. Di sicuro non ci sentiamo arrivati, anzi, pensiamo che abbiamo ancora moltissima strada da fare. Passo dopo passo, raggiungeremo i nostri obiettivi.

Durante la nostra vita da travel blogger, nata nel 2017, abbiamo conosciuto tanti bloggers e instagrammers, molti sono diventati grandi amici che ci hanno dato suggerimenti di cui abbiamo fatto tesoro.

In particolare dobbiamo ringraziare Sara e Lorenzo di The Travelization che, quando eravamo all’inizio di questa avventura, ci hanno spronato a fare le storie parlate su Instagram. Sembra una cavolata, ma questa cosa ci ha permesso di aprirci e di comunicare qualcosa in più alle persone che ci seguono. Un grazie va anche ad Andrea Petroni di Volo Gratis che inconsciamente con il suo libro “Professione Travel Blogger” ci ha dato la carica!

Qual è il luogo che vi è rimasto nel cuore e perché?

Ci sono tantissimi luoghi che ci sono rimasti nel cuore… La Cappadocia e Londra per esempio. Forse però quello che occupa un posto speciale nei nostri cuori è il Vietnam, ci ha colpito veramente molto per la sua cultura, le sue tradizioni e per le bellezze storiche e naturalistiche. Non sappiamo spiegare questo amore incondizionato per la nazione, ma c’è ed è vivo. È il paese in cui torneremmo altre mille volte anche se non è da noi, perché pensiamo che il mondo sia troppo grande per tornare più volte nello stesso posto.

Avete un oggetto che vi piace riportare a casa da un viaggio?

Generalmente portiamo a casa calamite ma dipende dal luogo che visitiamo. Se c’è qualcosa di particolare e tipico, spazio in “valigia” permettendo, portiamo anche quello. Per esempio dal Vietnam abbiamo preso una lanterna di Hoi An, dalla Turchia una lampada, dai Paesi Bassi i bulbi di tulipano…

Bloemenmarkt

Cosa non deve mancare mai nel tuo bagaglio?

Nel nostro bagaglio non mancano mai le medicine, perché capita spesso che Vale stia male e, chi ci segue da tempo lo saprà già, i fazzoletti!

Qual è l’azione più coraggiosa che avete fatto nei confronti di voi stessi per cambiare/migliorare qualcosa e cosa avete imparato?

Probabilmente l’azione più coraggiosa che abbiamo fatto è stata andare a convivere a 19 anni (Vale) e 22 anni (Andre). Abbiamo lasciato la nostra “comfort zone” prendendo in mano la nostra vita a 360 gradi. Questo ci ha fatto crescere molto,  ci ha reso molto più responsabili e ci ha dato una grossa fiducia in noi stessi.

Deserto-Marocco

Sei più un tipo da zaino o trolley?

Siamo assolutamente da viaggi avventura con zaino in spalla. Certamente, non tutti i nostri viaggi sono così, quando viaggiamo in città o in macchina, il trolley è il nostro fedele amico.

Qual è la cosa più divertente, emozionante o imbarazzante che vi è capitata in viaggio?

Di avvenimenti divertenti ed emozionanti ce ne sono veramente tanti ma quelli imbarazzanti fanno ridere quindi vi raccontiamo questi.

Andre: la cosa più imbarazzante che mi capita sempre in viaggio è quella di dover entrare in un bar e dover chiedere subito dov’è il bagno senza nemmeno avere il tempo di consumare. Ovviamente se la natura chiama, Andrea risponde!!!

Vale: come dicevamo prima, molto spesso sto male in viaggio. Generalmente è solo dissenteria e nausea, purtroppo a volte anche vomito. Ecco, la volta più imbarazzante è stata a Budapest. Avevamo una camera con bagno privato (chiuso a chiave) esterno in un corridoio buio. Nel cuore della notte mi sono sentita male, ho percorso tutto il corridoio correndo, non trovavo la luce, non riuscivo ad inserire la chiave nella porta… il risultato è che ho ritinteggiato un pezzo della parete del corridoio e una volta che sono riuscita ad aprire la porta, non ho nemmeno centrato il gabinetto! Scene da film horror…

Hotel di lusso, ostello o campeggio?

Abbiamo provato tutte e tre le cose. Diciamo che quello che si adatta di più a noi è sicuramente il campeggio. Non disdegniamo gli hotel di lusso, per carità. Sono bellissimi e super confortevoli, però diciamo che non fa per noi.

Natura e avventura o arte e città?

Noi preferiamo sicuramente natura e avventura però non tutti i nostri viaggi sono così. Ogni tanto ci piace anche visitare qualche città e abbinarle ad un po’ di arte, soprattutto se sono città “alternative”.

Se non avessi nessun tipo di vincolo quale sarebbe la vita che vorresti?

Diciamo che i nostri sogni cambiano man mano che passano gli anni perché cambiano le nostre esigenze. Ad oggi, il nostro più grande sogno è comprare un van e adattarlo noi a “camper” personalizzandolo a nostro gusto. Lo scopo è ovviamente intraprendere un viaggio in giro per il mondo con il nostro cagnolone Achille. Non avere pensieri, scadenze, ansia di tornare a casa. Godersi un vero e proprio viaggio dall’inizio alla fine senza meta e destinazione!

Famiglia-a-Velika-Planina

 

Le nostre nomination per i Sunshine Blogger Awards 2020

Noi abbiamo piacere di nominare:

Le nostre domande per i nominati

  • Cosa vi ha spinto ad intraprendere la strada del travel blogging? Fate anche altri lavori oltre a questo?
  • Come pensate che siano visiti i travel blogger in Italia, in Europa e nel resto del mondo?
  • In termini di viaggio, qual è il vostro sogno più grande? (un’esperienza, vivere per un determinato periodo in un posto, vedere una meta in particolare…)
  • Qual è la popolazione che vi ha lasciato il segno durante un viaggio?
  • Vi emozionate spesso in viaggio? Raccontateci qualcosa! (per emozione in questo caso ci riferiamo a qualcosa che vi ha toccato nel profondo, non tanto per la bellezza di un posto. Come può essere il sorriso di un bambino o una mamma che accudisce i suoi figli)
  • Qual è la volta in cui vi siete sentiti più a disagio in viaggio?

Lascia un commento